Leave a comment

ELECTRO- SWING the NEW VINTAGE genre of music: interview with THE SWEET LIFE SOCIETY founders

sweet life society

la versione in italiano dell’intervista è disponibile  più sotto dopo i video

 

ENGLISH VERSION

The Sweet Life Society are a band based in Turin that plays a new genre of music called electro swing. Very on fashion in England and France, this genre of music melts jazz, swing, hip hop, electronics with acoustic instruments and vocals in something  new  that has a vintage flavour. Sweet Life Society are the first Italian project oriented to this kind of vintage inspired music. I met the two founders, Gabriele Concas and Matteo Marini in a festival here in Vicenza called Festambiente, dedicated  to environment consciousness, where they arrived directly from Glastonbury Festival where they played just the night before this interview. SLS usually play with a small orchestra, a singer and a MC, they have  a good success in Anglo- Saxons countries ( they have toured in America for a month) and this summer they’re going to play in the most important  festivals in UK.  They have currently  two singles out  wich are named “Prima di ogni prima” and “My sound”, this one featured by the Italian harmonic trio Sorelle Marinetti.

  

Due to bad weather you played without the orchestra, in a smaller  team. How many elements  are usually  there in your orchestra?

Gabriele Concas: “It is a modular orchestra that has 3 horns maximum, bass, manouche guitar, the singer Giulietta who was there tonight tonigh, another singer named Moreno, who is Roy Paci’s MC and has a group named Steela that has done nice things, and the two of us. We have 9 members on stage, normally, plus the electronic part, because we are producers, actually. ”

How come just Electro Swing?

“We have not decided it, but it’s something that happened. Iin 2008, French band from Paris called Caravan Palace founded this genre. The electro swing is basicly perceived as the sampling of vintage music, so swing, New Orleans, Manouche, with an electronic arrangement. In the 80’s and 90’s many swing music  samples have been taken, reproduced and re arranged in electronic and  and  hip hop tone, the Caravan Palace were the first to create a band that somehow links electronics and acoustic music played in that direction. The Caravan Palace are a band similar to ours. ”

You have opened with “The Ballad of Mack the Knife from” The Threepenny Opera”. Do you think that this can immediately characterize the gig?

“I’ve actually put an opening track that would give the mood, since the people were sitting, that could be a song that would attract the attention and say:” we are here “, as it was an evening to create. The premise was different, I think for all of you also. “ 

You have just returned from Glastonbury, you opened Torino Jazz Festival and have toured in America …

“… We did it in May, a month.”

What about the problem of the accent? Is often said that people can hear the italian accent and  because of this maybe we’re a bit “boycotted”? You have some songs in italian.

“We have tracks in italian but we could say that we have a very central and northern European aptitude about the arrangements and musical bases. Let’s say that having made ​​two very big concert in Glastonbury,  Shangri La’s, which is a big stage of the festival in front of 400.000 people, we had our MC Moreno singing in Salentino dialect, not even in Italian, I would say that perception is ultra successful: it works and people  like it. “Prima di ogni prima”, our single released by Warner two weeks ago, has worked very well in Glastonbury, even though it’s  an Italian song and there were no Italians Glastonbury’s or there were very few. ”

And what about USA? How did they welcome you?

“Very well. We have followed a path that is finding an Italian direction but actually we work a lot abroad: the experience at the Glastonbury is not just one date, this summer we’re going to do 7 very big festival in England such as Bestival and Boomtown. We’ve always played a lot abroad because somehow we find a wider range. In the United States this is a new situation that currently has no band, there are some producers and about the electro swing nights that  at us are increasing: we have a night that now is 4 years old, the next season will be the fifth, they are only at the first season. ”

 And this vintage style that perhaps bonds a bit with burlesque?

“The feedback  I have had in the United States is that, actually, unlike Italy especially, live music works much more: concerts work in America, people are used to go out and see the drums, bass and the electric guitar, which is a very positive thing because we are losing a lot of this in Italy and this is a problem because I  think that it has a value. In America dance nights are less on fashion, unless there is a big guest and then it’s a big event. This means that there is more attention for the struggle because, in the end, playing live is a struggle, the effort to go to the rehearsal room and prepare a live because, however, the limit of a DJ set is a bit that one: now you can go to Internet and get an entire playlist of a famous dj who puts it online and you can play and work on it, not to mention those who play the evergreen classics with things that work. In some ways that is an ended cycle because there’s not an upstream research work done in the rehearsal room and that thing is actually music. We’ve been playing  a lot in Europe for 4 years so far, we are quite present, but we don’t like to be seen as  the ones that say “Fuck Italy,” said roughly, but also because in any case a situation like this in Vicenza is quite unique: now in Italy there are no more festivals in the summer and no more clubs in the winter. Things are going very well for us in England where we had sold out in London in early May with 1,000 people in a very large venue, Village Underground. We like to stay in “healthy” situations, even the trip we made in the United States: we were in Denman Island, Vancouver archipelago, an island of 1,000 people. We arrived there and everyone knew who we were, we played in front of old people and children and it was a matter of empathy, hugs, perception that somehow we gave something and people have responded to that: we ate together and I think this is the added value of this work . Then there are many other dynamics that can lead you to think of anything else: fame, money, however currently there aren’t even those one, then it’ s better to think about the things that make you fall asleep quiet and serene. ”

Nowadays the DJ set is a form of entertainment adopted by many artists, some are accompanied by classical and acoustic instruments such as the violin, trumpet, etc. Then there are situations like Gotan Project, or others where the turntablism is along with small orchestras or singers etc., turning the show into a real concert. When did this type of hybridization can be defined as simple DJ set and when as a real concert? Tonight, you did a dj set or a concert? There was also a very good singer.

The basic difference is that in  the dj-set you are free to play other things and maybe then rearrange them to sing along, as Giulietta did tonight. In a live show like Gotan Project’s  or ours, you play your own productions. Then, there is also a sensitivity in the dj-set because of the choice in the selection: if you play the evergreeen you pave the  way because you tend to go on the safe side because they are  part olf the total imaginary, but maybe if I do research maybe from the vinyl, I find that track, I rip it, the upload it on the computer and then I play it with the orchestra, then, clearly, your horizon get wider. I like to play evergreeens but never the originals, we do  many remixes and mash-ups then one expects that there is always an audience a bit conscious and the more they are the more you feel judged in a formative way, and that’s why, for me, error in England worth more than a mistake in Italy, because in Italy there are always so many dynamics that go into creating a mess for which you don’t get your bearings anymore. ”

Hipster is the current fashion: guys dressed in a vintage style wearing  handlebar mustaches: every period of the XX century, and it seems that the trend is repeated in the XXI, had its music. Some fashions of the twentieth century, from being underground cultures have become overground, influencing the mass culture, I think of the dark, or punk, to rockabilly, the mods to some extent. Is there the same possibility of creating a cultural landmark, the hallmark of a generation, today, with any musical genre, or is it all too fast, ephemeral and constantly changing?

“Definitely. Let’s say that  in recent years we have got into dynamics enough related to the music business and anything can be music business, everything can be controlled in some way. For me, cultural influence is first of all the curiosity of the people: if the people are not curious, they are passive and the cultural influence isn’t dictated by their sensitivity but by someone from above. I’m not talking about an artistic matter: each of us grows through education, becomes a person and chooses. The choice, however, implies that there is currently a small struggle that has gone lost because of many dynamics and, generally speaking, music and art, photography and still farther all the visual art, they obviously drain away and. I read a very nice article where they said that in the 70’s people made us of  music for 50% in a passive manner (ie you’re driving, you’re in the doctor’s waiting room and there’s the radio, or you’re at the supermarket) and 50% in an active way which means that you were at home, you took a record or a cassette, you chose them and you pressed play. Today, the percentage is arrived at 90 % of passive level  that means that people listen to music anyway because you’re always connected but don’t choose and if you don’t choose, who is able to decide has more scope and this fact has things to be less clear. It’s just a matter of status quo that is different and if it0s different  you have difficulties, unless you’re included in specific situations.”

Are there any standards for this type of music that allow to say, “this is electro swing, this is not” ?

Matteo Marini: “Certainly having a sample and a component closely tied to the swing. Then the electro swing genre has become very interpretable: a vintage sounds sampled and played live becomes electro swing even if the used matrix of sound is not strictly swing. For example this year was released the electro blues  but until last year it was within the genre of electro swing, that being the first genre that has come out has become a bit a kind of a dome under which genres like  electro -jazz, electro, blues, electro-gospel, are ranked in. everything about a remix done either live on stage or just with samples to create new sounds that we define “vintage remix”.”

official website

http://www.thesweetliferecords.com/

video of 2 singles available

“My sound” ft. Le Sorelle Marinetti & La Mattanza

“Prima di ogni prima”

 

VERSIONE IN ITALIANO

I Sweet Life Society sono un gruppo di stanza a Torino che suona un nuovo genere musicale definito electro swing. Molto di moda in Inghilterra e in Francia, questo genere mescola il jazz, il swing, l’hip hop e l’elettronica con strumenti acustici e voce in qualcosa di nuovo dal gusto retrò. Ho incontrato i due fondatori, Gabriele Concas e Matteo Marini a Festambiente a Vicenza, il festival di Legambiente, dove erano appena arrivati dal Glastonbury festival, dove avevano suonato proprio la sera prima dela realizzazione di questa intervista. I SLS generalmente si esibiscono con una piccola orchestra, una cantante e un MC, hanno un buon successo nei paesi anglosassoni (hanno fatto un tour di un mese in America) e quest’estate si esibiranno nei più importanti festival britannici. Almomento hanno all’attivo  due singoli, uno è “Prima di ogni prima” e l’altro è “My sound” realizzato con la collaborazione delle Sorelle Marinetti.

Causa maltempo avete suonato  in versione ridotta senza l’orchestra, quanti elementi d’orchestra siete di solito?

Gabriele Concas: “È un’orchestra modulare che va al massimo di 3 fiati, contrabbasso, chitarra manouche, giulietta la cantante che c’era stasera e un altro cantante che si chiama Moreno che è l’MC di Roy Paci e ha un gruppo che si chiamano Steela e hanno fatto belle cose, e noi  due. Siamo 9 elementi sul palco, normalmente, più la parte elettronica, perché noi siamo produttori in realtà.”

 

Come mai proprio Electro Swing?

“Non lo abbiamo deciso noi ma è una cosa che è arrivata: nel 2008 c’è una band francese di Parigi che si chiama Caravan Palace che ha fondato questo genere. L’electro swing  di base viene percepito come il campionamento di musica vintage, quindi swing, New Orleans, Manouche, con un arrangiamento  elettronico. Negli anni ‘80 e ‘90 sono stati presi tanti campioni swing riprodotti e riarrangiati in chiave elettronica  e hip hop,  i Caravan Palace per primi hanno creato una band  che in qualche maniera  accomunasse l’elettronica con la musica suonata acustica e in quella direzione. I Caravan Palace sono una formazione simile alla nostra.”

 

Avete aperto con “la ballata di Mackie Messer da “L’Opera da 3 soldi”, secondo te connota  immediatamente la serata?

“In realtà ho messo  un pezzo di apertura che desse il mood, visto che la gente era seduta, quella poteva  essere una  canzone che attirasse l’attenzione e dicesse: “noi siamo qua”, visto che era una serata  da creare. Il presupposto era differente credo anche per  voi.”

 

 

Siete appena tornati  dal Glastonbury, avete aperto Torino Jazz Festival e avete fatto un tour in America…

“…L’abbiamo fatto a maggio, un mese”

 

E il problema dell’accento, che molto spesso si dice che si sente l’accento italiano allora magari siamo un po’ boicottati? Avete dei brani in italiano.

“Noi abbiamo dei brani in italiano ma diciamo che abbiamo una predisposizione molto nordeuropea  e mittleuropea per quanto riguarda gli arrangiamenti e le basi. Diciamo che avendo fatto due concerti molto grossi a Glastonbury, allo Shangri La, che è un palco grosso del Glastonbury davanti a 400mila persone, avevamo il nostro MC Moreno che canta in salentino, neanche in italiano, direi che la percezione è ultra positiva, nel senso che funziona e piace. “Prima di ogni prima” il nostro singolo uscito per Warner due settimane fa, al Glastonbury è andato molto bene, pure essendo una canzone italiana e non ce n’erano italiani al Glastonbury o ce n’erano molto pochi.”

E in America come vi hanno accolti?

“Molto bene. Noi abbiamo avuto un precorso che sta trovando una direzione italiana ma in realtà lavoriamo molto all’estero: questa esperienza al Glastonbury non è una data unica, quest’estate faremo 7 festival molto grossi in Inghilterra: faremo il Bestival, faremo il Boomtown. Abbiamo sempre suonato molto all’estero perché in qualche maniera troviamo più respiro. Negli Stati Uniti è una realtà nuova che attualmente non ha band, ha alcuni produttori e anche le serate electro swing che da noi prolificano: noi abbiamo una serata che ormai c’è da 4 anni, la prossima stagione sarà la quinta, loro sono solo alla prima.”

 

Ma questo gusto vintage che forse si sposa un po’ con il burlesque ?

“Il feedback che ho avuto negli Stati Uniti è che in realtà, a differenza dell’Italia soprattutto, funziona molto più la musica live, in America funzionano i concerti, la gente è abituata ad uscire e andare a vedere la batteria, il basso e la chitarra elettrica, che è una cosa molto positiva perché in realtà in Italia si sta perdendo molto e questo è un problema perché trovo che abbia un valore aggiunto. In America le serate dance, a meno ché non ci sia un ospite grosso e quindi che sia un evento, vanno di meno. Questo vuol dire  che c’è più attenzione per lo sbattimento perché alla fine il suonare live è uno sbattimento, la fatica di andare in sala prove e preparare un live perchè comunque il limite del dj set è un po’ quello: attualmente puoi andare su internet e scaricarti una intera playlist di un dj famoso che la mette online e suonarla e lavorarci, senza contare quelli che suonano gli evergreen i classici con le cose che funzionano. In qualche maniera quello è un ciclo finito perché poi a monte non c’è un lavoro di ricerca in sala prove e quella cosa lì in realtà è la musica. Ormai sono 4 anni che suoniamo molto in Europa, siamo abbastanza presenti, ma non ci piace passare per quelli che dicono  “Vaffanculo Italia”, detta brutta, ma perché comunque anche una realtà come questa di Vicenza è abbastanza  unica: ormai in Italia non ci sono più i festival d’estate e non ci sono più i club d’inverno. Ci sta andando molto bene in Inghilterra dove abbiamo fatto sold out a Londra a  inizio maggio con 1000 persone in un locale molto grande, il Village Underground. A noi piace stare nelle situazioni  sane, anche il viaggio che abbiamo fatto negli Stati Uniti, ci siamo trovati a Denman Island nell’arcipelago di Vancouver, in un’isola di  1000 persone, siamo arrivati in quest’isola  dove tutti sapevano chi fossimo abbiamo suonato davanti a vecchi e bambini ed era una questione empatica di abbracci, di percezione per cui noi in qualche maniera abbiamo trasmesso qualcosa e le persone ci hanno risposto con quello: abbiamo mangiato insieme e questa cosa qui secondo me è il valore aggiunto di questo lavoro. Poi ci sono tante altre dinamiche che portano a pensare ad altro, che ne so,  alla fama, a i soldi, però attualmente non ci sono nemmeno quelli quindi meglio pensare alle cose che poi ti fanno addormentare in maniera tranquilla, che sei sereno.”

 

Oggi il dj set è una forma di spettacolo adottata da molti artisti, alcuni si accompagnano anche da strumenti classici e acustici come anche il violino, chi la tromba eccetera poi ci sono delle situazioni come Gotan Project  o altri dove il turntablism  viene affiancato a piccole orchestre o cantanti eccetera, trasformando lo show in un vero e proprio concerto. Quand’è che questo tipo di ibridazione può essere definita semplice dj  set e quando vero e propri concerto? Voi stasera che avete fatto? Dj-set o concerto? Perché comunque c’era anche una cantante molto brava.

La differenza di base sta nel fatto che nel dj-set tu sei libero di suonare cose di altri e magari di riarrangiarle quindi di cantarci sopra, come ha fatto Giulietta questa sera.  Nel live come i Gotan Project o come il nostro  suoni produzioni  tue, dopodiché anche nel  dj-set c’è sensibilità nella scelta e quindi torniamo al discorso di prima per cui se tu suoni l’evergreeen ti spiani una strada perché vai tendenzialmente sul sicuro perché fa parte dell’immaginario totale, se invece ricerco magari dal vinile, trovo quella traccia, la rippo, la porto su computer e la suono con l’orchestra allora chiaramente il confine mi si allarga. A me piace suonare evergreeen ma mai originali, facciamo molti remix e molti mash up dopodiché uno si aspetta che ci sia sempre  un pubblico un po’ conscious e più lo è più ti senti giudicato in maniera costruttiva, ed è per questo che per me un errore in Inghilterra vale più di un errore in Italia, perché in Italia ci sono sempre tante dinamiche che vanno a creare un pasticcio per cui non ti ritrovi più.”

 

 

La moda del momento è l’hipster, i ragazzi vestiti un po’vintage coi baffi favoriti: ogni periodo del XX secolo, e sembra che il trend si ripeta nel XXI, ha avuto una sua musica. Alcune mode del XX secolo, da essere culture underground sono diventate overground influenzando la cultura di massa, penso al dark, al punk il rockabilly, i mods per certi versi. C’è la stessa possibilità di creare un landmark culturale, il tratto distintivo di una generazione, oggi,  con qualsiasi genere musicale oppure è tutto troppo veloce, effimero e in continuo cambiamento?

 

“Assolutamente si, diciamo che negli ultimi anni siamo entrati in dinamiche abbastanza legate al music business e qualunque cosa può essere music  business,  tutto quanto è controllabile in qualche maniera.  Per me influenza culturale è prima di tutto la curiosità delle persone: se le persone non sono curiose sono  passive e l’influenza culturale non la detta la loro sensibilità ma la detta qualcuno dall’alto. Non ne faccio un discorso artistico: ognuno di noi cresce tramite l’educazione, si  fa persona  e sceglie, la scelta però implica che ci sia un piccolo sbattimento che attualmente si è perso per tante dinamiche e la musica e l’arte ingenerale,  fotografia e ancora più lontano tutta l’arte visiva, chiaramente ne escono povere.  Ho letto un articolo molto bello in cui si dice che negli anni ‘70 le persone usufruivano della musica al 50 % in maniera passiva, cioè stai guidando, sei  dal dottore in sala d’aspetto e c’è la radio,o sei al supermercato e il 50 % in maniera attiva che vuol dire che tu eri a casa, prendevi un disco o una musicassetta, lo sceglievi  e premevi play. Oggi la percentuale a livello passivo è arrivata al 90 % quindi vuol dire che la gente ascolta musica perché comunque sei sempre collegato però non la scegli e se non la scegli, chi può decidere ha più spazio  e questa cosa qui fa in modo che le cose siano meno libere. È proprio una questione di status quo che è differente e se è differente fai difficoltà, a meno ché tu non sia inserito in certe situazioni.

 

Esiste qualche canone in questo tipo di musica che permette di dire: “questo è electro swing, questo non lo è?

Matteo Marini: “Sicuramente avere un campionamento e una componente strettamente legata allo swing. Poi il genere electro swing è diventato molto interpretabile: una sonorità  vintage campionata e riprodotta dal vivo diventa  electro swing anche se magari la matrice della sonorità che utlizza non è prettamente  swing. Ad esempio quest’anno è uscito l’electro blues ma  fino al’anno scorso era all’interno del genere electro swing , che essendo il primo genere che è uscito è diventato un po’la campana sotto cui poi vanno  a classificarsi l’elettro-jazz, elettro- blues, elettro-gospel,  tutto quello che riguarda un remix  fatto sia dal vivo sul palco o coi campioni appunto per creare delle sonorità nuove e che noi chiamiamo vintage remix.

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *