Leave a comment

CONCHITA, ARCADE FIRE and SISTER CRISTINA about the DIVERSITY

 

intestazione post conchita s cristina arcade fire copy

(la parte in italiano è al di sotto dei video)

May the 17th is the International Day Against Homophobia  Biphobia and Transphobia. Italy is on the forefront of this fight, already supported in these years by the President of the Italian Republic Giorgio Napolitano. Of course, what I’m interested in, is the artistic expression and communication, and even though I don’t write for the chronicle news section, more and more today, the performing arts collect ideas from the news for the artistic creation of contents, offering artists’ privileged different point of view.

I’m interested in the perception, processing and assimilation of signs that express diversity. I try not to use the words “tolerance” and “acceptance” because I feel them like they are euphemisms that hide hypocrisy towards oneself and others: for me, these two words mean resignation and impatience, forbearance , which are the prelude to the hostility and no communication with ourselves first and consequently with others.

In recent times, media have talked about talent show “The voice of Italy” contestant Sister Cristina, Eurovision song contest 2014 winner austrian singer Conchita Wurst and then, some days ago, a great video came out by Arcade Fire, a Canadian band playing independent music, pleasant song with as much nice lyrics. The song is called “We exist” and is the third single from their latest album “Reflektor” . The single is released in these days and the video is played by Andrew Garfield, the last “Amazing Spider-man” who plays in women’s clothes and dances a beautiful Ryan Heffington’s choreography. Andrew-Garfield-Arcade-Fire

The main thing to consider in the phenomena of culture and tradition, in my opinion, is the exposition of the signs and the whole of them. The more is the duration of this exposure, the more it creates awareness and consciousness.

Conchita was a spot that has gone on for few days and I really hope to see what will be her ability to become a constant presence in contemporary pop culture .

Sister Cristina is instead into a mechanism of prolonged exposure, typical of reality and talent shows, she’s is unusual and it’s even more difficult to make predictions.

The Arcade Fire video is part of a very different type of dynamics : at the time of writing we exist video“we exist” official  video has been seen by more than 2.126.000 users but due to its characteristics it doesn’t  belong to a “mainstream environment” as general television and pop music are, even if is garnering public acclaim from both audiences and critics.

I did not follow the Eurovision Song Contest live on TV, aside the pageant, because I was working in theater but I watched a few things on Youtube, the great ally of us journalists. Conchita’s song is musically very recognizable, not to say trivial: it follows the 007 style with a reference to the Queen of recent times, “Show must go on” in the first place. conchitaShe has a beautiful face and is very refined and elegant, as well as having a pretty versatile voice. What she has suffered during the competition is terrible: opposed by Russia and ostracized, her victory is also the release and liberation she talks about in the wonderful lyrics of her song, “Rise like a Phoenix”. A liberation that is not only about prejudice but also about the fear that you have when you relate with the world around you, which is not always capable of incorporating what is different because, in order to ensure that the community works , somehow its social factors must be approved. However, we have reached a point where cultures can evolve only if uniformity is adapted to be matchable with all the diversities. The cultural versatility that allows a normal and peaceful life not only for homosexuals but also for disabled people, or people from other religions, without having to give up what characterizes the people and culture of the hosting community.

Conchita has a precedent, among other things: a great Ukrainian singer that appeared in “Ukraina’s got talent” by the name of Ursula and that going forward in the competition artem_semenov1 (1)changed his name to Artem Semenov: he proposed the most famous duet of “The Phantom of The Opera ” playing both sides, male and soprano, an extraordinary performance. Now Artem Semenov is managed by music industry executives who have disappeared Ursula and created a dark- gothic –rock artist, almost completely eliminating any expression that refers to femininity. As a child I was “gothic”, I like that kind of culture, and this way undertaken by Artem Semenov it’s a possible one, but wiping out that kind of expressiveness to deny the uniqueness of an artist and a human being, limits him unnecessary.189384

Conchita is borderline in her own way because of a beautiful face and a slender body wearing dream gowns and a beard. Conchita Wurst

If she hadn’t shaved, Conchita would be experienced by the public as a woman, maybe a little ambiguous but her message would have less “biting”, and in any case, her femininity and elegance, her style are what impress people. She has a feature that wouldn’t be accepted on a woman, ie the hair on her face ( actually, on a woman, hair on the body in general … ) but the two things together create a difference, a kind of  “soft freakyness” , a visual reference to a diversity that is proposed with a spectacular standardization that until recently was reserved to a dedicated audience

. It’s the difference between someone like the singer Adele, who is fat ( obesity is considered an unforgivable disability by the people and anyone feels entitled to blame an obese as such) but she’s elegant and appreciated by an audience that doesn’t judges her because her physical appearance -in fact they copy her style- and someone like Lady Gaga, that collects all the different ones, the little monsters , shouting to the world that we are all ” born this way ” . I won’t do considerations of Beth Ditto and her iconicity, because there are a lot of conceptual frameworks about aesthetic evaluation: amazing voice, she objectively not beautiul, with physical characteristics as recognizable as her voice, testimonial of the legendary brand of makeup MAC , married to a woman who had the “brilliant” idea to get to the altar wearing  uglier-than- the- worst- horror- movie white shorts (I don’t follow gossip,  but sometimes it happens to see some monstrosity on FB or Twitter walls, and everyone knows that us Italians are sensitive to certain things, expecially if about  fashion… )

Sister Cristina is another different one because she acts in an area not usually covered byarticle-0-1DA8A6A400000578-858_634x453 her rank: the mass pop culture that claims sexual freedom and feeds itself of transgression. Keep in mind, however, that after a pope as the current one, diversity has become fairly normal: Sister Cristina does nothing but repeating that she is there because of will of God. Pope Francis, referring to gays, said that if a person is of good will, who is he to judge them. Amen . And at last.

Arcade Fire video, instead, lives of a completely different context, as I said: it denounces and it is a dialogue between father and son, in which it is said: “(…)acting like/we did not exist (…) but we exist (…)”. Andrew Garfield plays a touching part of the boy who expresses her femininity and wish for affection. I really don’t know what term I could use to describe this character because I imagine drags as a great show with elaborate and we exist video 3expensive costumes. The crossdresser is not necessarily homosexual, he’s rather a straight man who has a fetishism for women and likes to wear something feminin. Here, in this  video,  is the liberation and expression of femininity that perhaps starts with a haircut directed to wear not a mask but themselves.

In all this, the thing I’d like to express  most,  is that all these differences are expressed in a way comfortable with other environments that are usually restricted to them: personally, I love Lady Gaga because, although beautiful , she makes herself ugly in order to get closer to the different ones. Beth Ditto would surely have been a muse for the cubists and expressionists. Sister Cristina is not a “Sister act” character but a girl who sings wearing a veil. Andrew Garfield’s performance in Arcade Fire’s video opens the WE EXIST shotheart and makes us hope that none of our children should ever have to experience what’s going on in the video but that they can live and express themselves  most peacefully  and creativly as possible, as indeed it happens at the end of the story in which he/she looks like a little fallen angel who is welcomed by other 4 “guardian angels” that advise the girl, accompanied by the sound of a clarinet, to a beam of light conchita-wurst-eurovisionthat is not much different from the one used to create the minimal Conchita’s set during Eurovision’s live air. Garfield offers to Heffington’s choreography an accent of fluidity and grace and, as a good theatre trained actor, also creates a scripture with his face: the marvel astonishment of a rising phoenix, as bravely and proudly sung by the amazing Conchita.

 

arcade fire  video “we exists”

at the following link  you can find some other music videos choreographed by RYAN HEFFINGTON

Conchita Wurst

Artem Semenov before and after

adagio

phantom of the opera

Artem Semenov today ( 2 songs)

Sister Cristina sings “Livin’ on a prayer” by Bon Jovi

 

Il 17 maggio si celebra la giornata mondiale contro l’omofobia, bifobia e transfobia. L’Italia è in prima fila in questa lotta, appoggiata già in questi anni dal Presidente della Repubblica Napolitano. Naturalmente quello che mi interessa è l’espressione artistica e la comunicazione e anche se non mi occupo di cronaca e di sociale ma di arti performative, che sempre di più oggi, raccolgono dalla cronaca e dalla società spunti per la creazione artistica di contenuti offrendo un punto di vista diverso, quindi privilegiato.

Quello che mi interessa quando si parla di diversità sono la percezione, l’elaborazione e l’assimilazione dei segni che la esprimono. Le parole “tolleranza” e “accettazione”  cerco sempre di non usarle perché mi sembrano degli eufemismi che nascondono un’ipocrisia verso se stessi e gli altri: per me queste due parole  significano rassegnazione e sopportazione, che sono l’anticamera  per l’ostilità e la non comunicazione prima di tutto con se stessi e poi, di conseguenza, con gli altri.

Negli ultimi tempi si è parlato prima di Suor Cristina, di Conchita Wurst e poi, nei giorni scorsi, è uscito un bellissimo video degli Arcade Fire, gruppo di musica indipendente canadese, canzone piacevolissima con un testo altrettanto bello. Il brano si chiama “We exist” ed è il terzo singolo del loro ultimo album “Reflektor”. Il singolo esce in questi giorni, il video è interpretato da Andrew Garfield, l’ultimo amazing spiderman che recita e danza in abiti femminili coreografato da Ryan Heffington.

La cosa principale da valutare nei fenomeni di cultura e costume, secondo me,  è l’esposizione  dei segni e dell’insieme di essi. E la durata di questa esposizione, più è prolungata più crea una ”sensibilizzazione”

Conchita è stato uno spot durato alcuni giorni e spero do vedere quale sarà la sua capacità di diventare una presenza costante nella cultura pop contemporanea.

Suor Cristina è invece in un meccanismo di esposizione più prolungata, tipica dei reality e dei talent ma è molto atipica ed è ancora più difficile fare dei pronostici.

Il video degli Arcade Fire rientra in tutt’altro tipo di dinamiche:  nel momento in cui scrivo è stato visto da oltre 2.126.000 utenti ma per le sue caratteristiche non appartiene a quel tipo di ambito considerato mainstream, come lo è la televisione generalista  e la musica pop, pur raccogliendo consensi  sia di pubblico che di critica.

Non ho seguito l’Eurovision Song contest in diretta tv, a parte la premiazione, perché ero impegnata in teatro ma ho guardato alcune cose su youtube, il grande alleato di noi giornalisti. La canzone di Conchita è musicalmente molto riconoscibile, per non dire banale: ricalca lo stile James Bond con un richiamo ai Queen degli ultimi tempi  “Show must go on” in primis. Lei ha un viso bellissimo ed è molto raffinata ed elegante, oltre ad avere una bella voce versatile. Quello che ha subìto è terribile: osteggiata e ostracizzata dalla Russia, la sua vittoria rappresenta anche la liberazione di cui lei parla nel meraviglioso testo della canzone. Una liberazione che non è solo dal pregiudizio ma anche dalla paura che si ha della relazione con il mondo che ci circonda, che non è atto ad accogliere tutto ciò che è diverso perché, per economia culturale, per poter far sì che la società funzioni,  in qualche modo i suoi fattori sociali devono essere omologati. Siamo però arrivati a un punto in cui le culture possono evolversi solo se l’omologazione si adatta ad essere compatibile con tutte le diversità. La versatilità culturale che permette una vita serena e normale non solo agli omosessuali ma anche ai disabili, o alle persone di altre religioni, senza dover  rinunciare a ciò che caratterizza il popolo e la cultura ospitanti.

Conchita tra l’altro ha un precedente: un grandissimo cantante ukraino che si presentò a Ukraina’s got talent con il nome di Ursula e che andando avanti nella gara cambiò nome in Artem Semenov e propose il duetto più famoso di “The Phantom of The Opera” interpretando entrambe le parti, quella maschile e quella da soprano, una performance straordinaria. Ora Artem Semenov è gestitio da dei discografici che hanno fatto sparire Urrsula e che hanno creato un artista dark-gotico-rock, eliminando quasi completamente qualsiasi espressione che faccia riferimento alla femminilità. Da piccola ero Dark e amo quel tipo di cultura, e questa intrapresa da Artem Semenov la trovo una possibile strada, ma spazzare via ogni espressività  di quel tipo vuol dire negare l’unicità di un artista e di un essere umano, porgli dei limiti inutili.

Conchita è borderline a suo modo perché su un viso stupendo e un corpo slanciato che indossa abiti da sogno vediamo la barba. Se non avesse la barba Conchita verrebbe vissuta dal pubblico come donna, magari un po’ ambigua ma il suo messaggio avrebbe meno mordente, e in ogni caso, colpisce la sua femminilità elegante, il suo stile. Ha una caratteristica che su una donna non verrebbe accettata, cioè i peli sulla faccia ( a dire il vero, su una donna, i peli in genere…) che però nell’insieme creano la differenza , una specie di soft Freak, un riferimento visivo a una diversità che viene proposta con una spettacolarizzazione massificata  che però  fino a poco tempo fa era riservata a un pubblico dedicato. È la differenza tra qualcuno come la cantante Adele, che è grassa ( l’obesità è considerata dalla società un handicap imperdonabile e chiunque si sente in diritto di colpevolizzare un obeso in quanto tale)  ma che è elegantissima e apprezzatissima  da un pubblico che non la giudica per il suo aspetto fisico e che anzi ne copia lo stile, e una Lady Gaga che raccoglie tutti i diversi, i little monsters, gridando al mondo che siamo tutti “born this way”. Tralascio considerazioni su Beth  Ditto e la sua iconicità, perché lì siamo nell’ambito di valutazioni estetiche concettuali: voce straordinaria, lei oggettivamente brutta, con delle caratteristiche fisiche tanto riconoscibili quanto la sua voce, testimonial della leggendaria marca di trucchi M.A.C., sposata con una donna che ha avuto la brillantissima idea di arrivare all’altare con delle bermuda bianche più brutte del peggior film dell’orrore ( non seguo il gossip ma quando capita di vedere certe mostruosità sulla bacheca, certe cose si notano, soprattutto se si tratta di moda…)

Suor Cristina è un’altra diversa perché si muove in un ambito non previsto per il suo rango: la cultura di massa pop che rivendica libertà sessuale e che si alimenta di trasgressione.  Teniamo presente però che dopo un papa come quello attuale la diversità è diventata giustamente normalità: Suor Cristina non fa altro che ripete che lei è lì perché lo vuole Dio. E Papa Francesco, riferendosi ai gay, ha detto che se una persona è di buona volontà, chi è lui per giudicarla. Amen. E finalmente.

Il video degli Arcade Fire invece vive di tutt’altro contesto, dicevo:  anche questo denuncia ed è un dialogo tra padre e  figlio, in cui viene detto: “si comportano come se non esistessimo ma noi esitiamo”. Andrew Garfield interpreta  in maniera commovente la parte del ragazzo che esprime la sua femminilità e il desiderio d’affetto. Non so davvero che termine usare per descrivere questo personaggio perchè l’idea che ho della drag è quella del grande spettacolo con il costume di scena elaboratissimo e costosissimo. Il crossdresser non è necessariamente omosessuale, anzi, spesso è un uomo etero che ha un feticismo per le donne e, da feticista, ama avere addosso qualcosa di femminile. Qui è la liberazione e l’espressione della femminilità forse comincia con il tagliarsi i capelli per poter indossare non una maschera ma se stessi

 

In tutto questo la cosa di cui più mi preme  parlare è che tutte queste diversità vengono espresse in maniera compatibile anche con altri  ambienti  che di solito sono ad esse preclusi: personalmente, amo Lady Gaga proprio perché, pur essendo bellissima, si imbruttisce per avvicinarsi ai diversi, Beth Ditto  sarebbe stata sicuramente una musa  per i cubisti e gli espressionisti, Suor Cristina non è Sister Act ma una ragazza col velo che canta. L’interpretazione di Andrew Garfield nel video degli Arcade Fire apre il cuore e  fa sperare che nessuno dei nostri figli debba mai subire quello che succede nel video ma che possa viversi nel modo più sereno e creativo possibile, come avviene alla fine del racconto in cui lui-lei sembra un piccolo angelo caduto che viene accolto da altri 4 “angeli custodi” che accompagnati dal suono del clarinetto consigliano la ragazza verso un fascio di luce che non è poi molto diverso da quello usato da Conchita per creare la scenografia minimal vista all’Eurovision. Garfield  offre alla coreografia di Heffington un accento di fluidità e grazia e, da bravo attore di formazione teatrale, crea un testo anche col viso: l’incredulità di una fenice che risorge, come canta orgogliosa e coraggiosa la amazing Conchita.

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *