ABOUT THIS WEBSITE- cos’è artisceniche.com

 

Welcome!

This website was created in a moment of particular difficulty. We live in an era that smells like a after-war time, both economically and culturally. In my experience as an interviewer I knew right away what was the importance of my work: when you go to the theater to see dance, drama or music, contents are not always obvious. It is therefore essential to give voice to artists who stage the work , so the people who go to the theaters can better understand what  are both the intentions of those who are on stage and the characters  they play. It is important that the viewer grasps the subtext , the references , the interaction between voice, gesture, lighting, music , words , rhythm, psychological dynamics. In my career  I’ve always met the artists I interview with great humility, also if they were very young because my main purpose is to understand: it has always been that and it will always be . When I was not humble then I had to change my mind, realizing that it was me who, in my presumption, did not understand .

 

I always thought that the purpose of a journalist of performing arts  is not only reporting the news objectively  but also being an intermediary between the artist and the audience. for me , the artist must be able to express in several fields and talk and tell can complete his-her work  in a manner that helps people to enjoy it more efficiently. I deeply love this job, but maybe it’s because I was lucky in my experience since I’ve always had the chance to express myself and interact with the utmost freedom with whom I interviewed .

 

It might be really crazy to get engaged in topics such as theater, dance, film, music at a time like this . But I firmly believe that theater, dance, music , cinema and the arts , in the most difficult hystorical era , are essential to remind us that we are alive and that our mind and our soul cannot wither.

I do believe into interdisciplinary and hope I will always be able to give voice to artists in order to offer them additional space of expression and to give you who read a chance to take advantage of the intelligence and creativity of the people I give voice.

 

welcome again and have a nice surfing

 

Elena De Dominicis

 

—-

 

Benvenuti

Questo sito nasce in un momento di particolare difficoltà. Viviamo un periodo storico  che odora di dopoguerra, sia economicamente che culturalmente.

 

Nella mia esperienza di intervistatrice ho capito da subito quale fosse l’importanza  di questo lavoro:  quando si va a teatro a vedere la danza, la prosa o la musica, non sempre i contenuti sono di immediata comprensione. É quindi indispensabile dare voce agli artisti che mettono in scena l’opera, in modo che lo spettatore possa capire meglio quali siano le intenzioni, non solo di chi lavora nelle arti performative, ma dei personaggi a cui dà vita chi sta sul palco. È importante che chi guarda colga il sottotesto, i riferimenti, l’interazione tra voce, gesto, luci, musica, parole, ritmo, dinamiche psicologiche.

 

Mi sono quasi sempre posta con grandissima curiosità davanti agli artisti che ho intervistato nella mia carriera, anche se erano giovanissimi, perché il mio scopo principale è sempre stato e sarà sempre quello di capire. Quando non l’ho fatto, mi sono dovuta poi ricredere, rendendomi conto che ero io che, nella mia presunzione, non avevo capito.

 

Ho sempre pensato che lo scopo di un giornalista non sia solo quello di riportare le notizie con obiettività ma che, nel campo dello spettacolo, sia quello di essere un tramite tra l’artista e il pubblico.  Per me l’artista deve potersi esprimere in più ambiti.  Parlare e raccontarsi può integrare in maniera facilmente fruibile ciò che è il suo operato.

 

È probabile che sia davvero una follia dedicarsi a temi come il teatro, la danza, il cinema, la musica in un periodo come questo. Ma io credo fermamente che il teatro, la danza, la musica, il cinema e tutte le arti, nei periodi più difficili, siano indispensabili per ricordarci che siamo vivi e che la nostra mente e la nostra anima non possono e non devono appassire.

 

Credo profondamente nell’interdisciplinarietà delle arti e nell’evoluzione delle stesse. Spero di riuscire sempre a dare voce agli artisti, in modo da poter offrire  loro uno spazio ulteriore di espressione e di dare a voi che leggete  la possibilità di usufruire  dell’intelligenza e della creatività delle persone che incontro.

ancora benvenuti e buona navigazione

 

Elena De Dominicis